Cose la Certifcazione kosher ?

La Certificazione Kosher IKU
IMGP3769
Kasherut (in ebraico כשרות, letteralmente adeguatezza) indica, nell’accezione comune, l’idoneità di un cibo ad essere consumato dal popolo ebraico, sono le regole alimentari della religione ebraica stabilite nella Torah, interpretate dall’esegesi nel Talmud e codificate nello Shulchan Aruk. Il cibo che risponde ai requisiti di kosherut è definito kosher (in ebraico כשר, letteralmente adatto). A causa della ricchezza delle leggi e della casistica corrispondente, per preparare un pasto kosher è necessaria una grande dimestichezza con le varie regole: è il motivo per il quale nei ristoranti kosher e negli stabilimenti industriali kosher si trova un sorvegliante (detto Mashghiak, משגיח) che ha il compito di vegliare al loro rispetto a garantire al consumatore la kosherut del cibo.

Il cibo, per essere consumato secondo le regole alimentari ebraiche, deve soddisfare vari aspetti:

  • La natura del cibo;
  • La preparazione del cibo;
  • Per i cibi di origine animale, le caratteristiche dell’animale stesso.

Le limitazioni nell’uso di vegetali sono esplicitamente catalogate nella Torah ed accuratamente descritte nella letteratura Halachica. Alcune di esse sono limitate al raccolto della Terra d’Israele: per essere atto al consumo, deve essere sottoposto ad una serie di prelievi, denominati genericamente Terumot Vemaaserot; inoltre, il raccolto del settimo anno del ciclo sabbatico è soggetto ad ulteriori restrizioni. Altre limitazioni riguardano anche i prodotti coltivati all’infuori della Terra d’Israele: per esempio, il divieto di ottenere i prodotti di innesti, denominati Kilàyim. Il divieto di Orlà vieta i frutti prodotti dall’albero durante i primi due anni (vigono regole speciali anche per il terzo anno). Una cura particolare viene portata all’eliminazione di vermi e altri intrusi dagli alimenti di origine ( Wikipedia)